Descrizione immagine

UN PO' DI STORIA...

Da tempo ormai si girava in moto e tutti avevano giubbini sponsorizzati dai rispettivi motoclub, giravi la domenica come le "processionarie", i vari motoclub andavano a destra e a sinistra. Io e Max Fazer ci siamo chiesti se anche a Fagagna non era il caso di costruire "qualche cosa". Cosa? Non so. Qualche cosa!!!!

Abbiamo chiamato qualche amico per cercare di rendere concreta la nostra idea, tra questi c'era Luca moto one.
Tra una birra e l'altra abbiamo cercato di costruire un primo contatto con più persone possibili.
Ci siamo resi conto che non era possibile fare un motoclub nel solo territorio di Fagagna e che dovevamo allargare la zona all'area collinare.
-"Conosciamo qualcuno nel sandanielese? C'è Pittana e suo cugino, c'è Manuel, Bidoli, ci sono anche due pazzerelli di Osoppo, un certo Claudio e il Mib! Ma non so se sono interessati, non so se è il caso....chiamiamoli lo stesso..."-
Luca moto one dice di conoscere molte 40/50 persone tutte interessate!
Nel frattempo la birra si era impossessata di noi, all'orizzonte tre scimmiette ci stavano per raggiungere; forse era meglio aggiornarsi ad un'altra sera...

Ci siamo ritrovati ancora tra me, Max Fazer e Luca moto one, c'era ormai almeno una sintonia alcolica, ma dovevamo vedere in quanti erano d'accordo.

Il motoraduno sul Bernadia ci dava l'opportunità di vedere se la nostra idea suscitava interesse.
Abbbiamo parlato, bevuto, bevuto e parlato, ma soprattutto hanno conosciuto una ragazza che forse poteva aiutarci: una certa Barbara. Dopo ci siamo divisi e siamo andati a pranzo, ognuno con un gruppo di amici per verificare la fattibilità di creare un'associazione.

Bando alle ciance, facciamo la prima riunione alla pizzeria Al Girasole l'8 Febbraio; si presentano 50 persone...
Accidenti! Nessuno se l'aspettava!
Si riesce a raccogliere una considerevole numero di persone, però gli amici del custom preferiscono rimanere alla finestra.
Tra tutti i presenti c'era anche una ragazza che si faceva notare per gli argomenti esposti (anche per quelli nascosti) ad essere sincero: è quella famosa Barbara, della quale avevamo sentito parlare...ma non l'avevo mai vista!
Una sola riunione non era sufficiente, perchè ognuno aveva un'idea diversa su come, dove, cosa ecc...

Riconvovata la riunione 15 giorni dopo, presenti quasi tutti, sono spariti i customeristi...chissà perchè???
Facciamo le nomine e, come dice il Joe Bar, la rappresentativa viene così suddivisa:
- il presidente viene nominato quello che ce l'ha più grande.......la moto!!!
- il vicepresidente viene nominato quello che non è mai d'accordo con il presidente....."Signor NO"
- la segretaria viene nominata quella che ha molta esperienza......organizzativa
- gli 8 consiglieri vengono nominati tra tutti quelli che non si sono proposti. Bando agli scherzi, i consiglieri vengono scelti rappresentando tutte le zone ed i
  Comuni associati.

Finalmente siamo operativi, è nato il Moto Club!!!
Si ma quale motoclub? Come si chiama? Quale logo ha? Corbezzoli non siamo riusciti a darci un nome, ma ci imponiamo di deciderlo durante il pranzo del motoraduno di Percoto.
Presenti tutti nel centro di Fagagna, per la partenza della prima uscita del nuovo motoclub (scena sacrilega con le nonne che uscivano dalla messa e i centauri che partivano impennanti e rimbombanti nella stretta via...).
Dopo aver presenziato al raduno di Percoto, sopraggiungono qua e la le solite...una, due.....birre e poi tutti a pranzo assieme come da programma.
L'argomento era delicatissimo, l'identficazione del nome e del logo del motoclub.
Tre ore di travaglio, lotte, conflitti, sotterfugi, battibecchi, animati da un sorprendente "Pianella" ormai arbitro della situazione:
"Motomas" oppure "Amici del Guard rail"?
La scelta era unequivocabile....il primo...perchè l'altro era troppo allusivo e portatore di sventure....
Il simbolo, anch'esso frutto di mille proposte, venne scelto dopo ben un mese di riunioni.

Ormai il motoclub si è costituito e si raduna ogni giovedì e posso affermare che in questi primi sei mesi si è mosso parecchio...ed in futuro farà di più!

- Il Presidente -